}
Ricette facili e veloci , ma anche creative
Il meglio della Cucina Italiana
+ 5.000 ricette deliziose.
Home » , , , , , , , » La natura dei veneti è certo la loro migliore virtù, e ciò che vale per l'arte, vale anche per la cucina.

La natura dei veneti è certo la loro migliore virtù, e ciò che vale per l'arte, vale anche per la cucina.

Pubblicato da Maia Susana Diaz il domenica 16 luglio 2017 | 00:23:00

A volte ci si può chiedere perché mai la pittura tonale sia nata nel Veneto, fra le montagne azzurre e il cielo rosa di Giovanni Bellini, per affermarsi nelle atmosfere rarefatte, di una rivoluzionaria profondità, in Giorgione,con le luci dorate e le carni vive, gli sguardi ineffabili e profondi, la morbidezza dei tessuti e delle pelli in Tiziano, con la sodezza serena ed umile dei contadini trasformati in santi nelle pale di Cima da Conegliano.

Ci si chiede anche quale sia l'ispirazione più profonda dell'inesauribile mondo musicale di Vivaldi. quel suo esprimere i sentimenti dell'uomo, così nuovo e anticonformista. Ci si chiede come sia possibile l'autenticità meravigliosa delle commedie dialettali goldoniane.
polenta-bianca-veneta

La natura dei veneti è certo la loro migliore virtù.

Il linguaggio popolare.

Ove il linguaggio popolare viene stupendamente contrappuntato ed innalzato ad una raffinata musicalità che rinnova il reale senza tradirlo affatto. Si tratta di una vocazione umanistica, che parte già dallo « snaturale » ruzantiano, tutto ancorato alla terra e agli uomini che di lei vivevano, con un programma di ironia che era sopraffatto da un istinto di amore.

Perché tutto questo?

Una domanda che, al di là delle meticolose ricerche filologiche, delle genesi comparate in ramificazioni più lontane, di varie componenti europee, merita una risposta semplice: è perché il respirare, il nutrirsi di un paesaggio, nel senso più completo, genera una assimilazione che produce dei frutti inconfondibili; e forse la terra fra il Garda e le pianure del Friuli, sino ai margini della regione carsica, fra il mare terso e azzurro del Quarnaro, le lagune verdi e opache e le valli grigie, fra le montagne e le colline, dolci e raccolte in cento regioni segrete, in altopiani arcadici, in gole e vette dalle forme e dai colori quasi irreali, è, più di ogni altra, quella che rivela prontamente a chi la incontri la sua suggestiva, costante, trasparente verità.
Leggi anche: I vini ed i vitigni della regione Veneto: quarta parte.
Una verità che si riconosce immediatamente attraverso le immagini che l'arte ci ha saputo dare.

Ciò che vale per l'arte, vale anche per la cucina.

Lo ripetiamo: un potere di trasfigurazione che non tradisce mai la realtà, ma la riassume, la esalta. La « naturalezza » dei veneti è certo la loro migliore virtù, e ciò che vale per l'arte, vale anche per la cucina.

Una cucina a volte antichissima, che risale alle abitudini delle colonie greche di venticinque secoli or sono, coi loro cibi marinareschi e l'olio del Mediterraneo, profumato d'aglio e cipolla, con le carni conservate ed essiccate, con le tradizioni greco-romane di far diventare tutto salsiccia, ma specialmente il suino.
La natura dei veneti è certo la loro migliore virtù, e ciò che vale per l'arte, vale anche per la cucina.Twitta
Nemica dell'Islam, riceve di rimbalzo, come lui, certe squisitezze bizantine del dolcificare le vivande con uvetta, pinoli e mandorle, e di renderle profumate e piccanti con spezie preziose. Dove tuttavia manchino quelle dell'Oriente, cerca gli aromi più umili e domestici nell'orto o nel bosco.

Altro denominatore comune della cucina veneta è la polenta.

Altro denominatore comune della cucina veneta è la polenta, e vi fu un tempo, non molto lontano, in cui la polenta fu quasi il simbolo della famiglia ed il confezionarla un atto rituale che si ripeteva anche due o tre volte al giorno.

Se ti è piaciuta la ricetta, iscriviti al feed cliccando sull’immagine per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:
CONDIVIDI

A proposito di: Maia Susana Diaz

Ho deciso di aprire questo blog, per condividere insieme ad altre persone la passione che ho per la cucina, da qui il titolo del blog, non mancheranno ricette classiche, rivisitate, personali e cercherò di spaziare il più possibile. Le ricette che troverete rispecchiano il mio quotidiano, spero di riuscire per quanto sia la mia modesta esperienza di poter esservi utile nei miei consigli, perchè qualunque cosa decidiate di fare, la cucina richiede tempo, amore e passione.

0 commenti :

Posta un commento

Archivio Ricette

vini, vitigni, Italia, barolo, lambrusco, chianti, dolcetto Calabria, ricette, cucina, gastronomia cucina calabrese, piatti tipici, mustica, ricette cucina, gastronomia cucina calabrese, dolci, dessert, ricette, cucina cucina siciliana, ricette, gastronomia cannoli, pasticceria siciliana, ricette, cucina ricette, cucina ligure, gastronomia, pesto cucina norvegese, ricette cucina, primi, secondi, dolci, dessert paella valenciana, ricette cucina, Spagna, primi, secondi ricette cucina piemontese, bagna cauda, primi, secondi, dolci

I miei preferiti